Numero verde: 800 90 92 45 info@fairvalyou.it

CONTRATTO IBRIDO OPPURE “A BENZINA”?

Il motore del cambiamento per il consulente finanziario.

In un precedente articolo abbiamo parlato del contratto ibrido, una formula contrattuale di mezzo, studiata con l’intento di tutelare il sistema bancario.

Oggi vi raccontiamo, invece, di un “contratto a benzina”, ossia un tradizionale contratto di rete, in cui troviamo condizioni contrattuali a nostro avviso, molto poco vantaggiose per il consulente e, tanto, troppo, a vantaggio dell’istituto finanziario.

Si dice spesso che non bisogna rinnegare il passato. Per 25 anni abbiamo fatto parte di questo mondo banco-centrico e, se oggi abbiamo creato una realtà completamente diversa, ci sarà un motivo. O anche più di uno. A tal proposito, eccone alcuni riguardo l’argomento di oggi.

 

Quali sono i punti fondamentali di un contratto di rete tradizionale?

  • Attività promozionale vs consulenza finanziaria: la differenza tra le due diciture è palese anche per un ragazzino, eppure in questi contratti non si parla mai del vero fulcro (a nostro parere) di questa professione, ossia la consulenza al fine di fare l’interesse esclusivo del cliente.
  • Professionista senza clienti: infatti, i clienti non sono del consulente che li procura, ma della banca, che ha un rapporto diretto con essi e nei confronti dei quali l’intermediario finanziario muove obblighi e clausole.
  • Provvigioni a cascata: un sfilza di provvigioni prima di arrivare alla vera remunerazione del consulente. In questo modo i costi per i clienti aumentano, il guadagno per il professionista è basso e il lavoro tanto.
  • Assicurare minimi produttivi secondo indicazioni dettate dall’alto: ogni consulente dovrà quindi assicurare degli standard produttivi per mantenere il posto di lavoro. Chiaramente senza libertà di manovra, quindi senza consulenza vera e propria perché, come espresso nel primo punto, l’attività è appunto di promozione di specifici prodotti finanziari con budget ed incentivi sulla vendita.

Questo tipo di contratto, rinominato da noi “a benzina”, è chiaramente molto più rigido rispetto al contratto ibrido nei confronti dei consulenti e, in un certo senso, penalizzante.

Non ci sono tutele, nessuna soddisfazione professionale, alcun interesse vero nei confronti del cliente. Solo vantaggi per l’intermediario finanziario che sforna prodotti e servizi da vendere a tutti i costi.

Crediamo che le cose possano cambiare. E noi ci stiamo già muovendo in questa direzione.

Vi lasciamo con un input lanciato da un famoso film:

“Se io posso cambiare, e voi potete cambiare… tutto il mondo può cambiare!”

Rocky IV

Condividi sui social:

0 commenti

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivi

Categorie

CONTATTI

Sede legale:
Corso Garibaldi , 37
81030 Falciano del Massico (CE)

 800 90 92 45

CONTENUTI

wtfdivi014-url1
wtfdivi014-url4
wtfdivi014-url7
wtfdivi014-url3
wtfdivi014-url8

CONTATTACI